Ricerca LocalitàRicerca Località
FacebookTwitter

PREVISIONI INVERNO 2016-17: Anomalie emisferiche ad alto impatto sulla circolazione Invernale

Un saluto a tutti i lettori di Meteodue.it

Gli esperti del CSCT, sul forum di Meteodue, ne parlano da giorni.
Il Vortice Polare Stratosferico, la famosa bassa pressione collocata sulla verticale del Polo geografico
ed instauratasi in seno al  raffreddamento radiativo che ogni anno registriamo nella Stratosfera Polare,
è già in forte crisi d'identità.

Ma da cosa dipende tale dinamica?

Uno dei principali motivi per cui stiamo registrando queste pesanti anomalie, risiede in un grave deficit
dei ghiacci Artici.
Riscontriamo infatti un' estensione nettamente inferiore alla media, a testimonianza di un riscaldamento
considerevole dell'area Polare.
Da questo grafico vediamo appunto quanto affermato:

giaccio

Mentre nella seguente immagine abbiamo la rappresentazione grafica:

pack artico

Quello che salta all'occhio è un esteso innevamento del settore Euroasiatico, a cui fa da contraltare
una scarsa avanzata del ghiaccio Artico.
Sappiamo che il bilancio termodinamico del nostro Pianeta si attua attraverso uno scambio di calore
tra aree Polari ed aree Equatoriali.
Se però andiamo a modificare le zone di massimo raffreddamento, abbiamo una serie di modifiche
sull'andamento della circolazione emisferica, talvolta anche notevoli.
Ecco che in tal caso, lo scioglimento dei ghiacci Artici ed il calore estivo accumulato dalle acque oceaniche,
viene rilasciato in atmosfera provocando uno squilibrio termico di forte entità.
Da questa immagine abbiamo un Plot delle anomalie GPT riguardanti il mese di Ottobre appena trascorso:

ott 2016
Tale squilibrio termico sta già innescando pesanti anomalie nella circolazione nord emisferica, con
una indice AO che ormai dai primi giorni di Ottobre si mantiene su valori decisamente negativi:

ao 2016anomalie strato

La situazione è destinata ad evolvere in direzione di un graduale dislocamento del Vortice Polare
sul settore Euroasiatico nel corso del mese, favorendo l'attivazione di un'onda planetaria
convergente nell'area Polare:

vp

A livello del suolo è probabile la persistenza di una circolazione ATH-EUL, con discese di aria polare
marittima sin sul Mediterraneo in temporaneo cut-off. Tale pattern potrebbe acutizzarsi nella parte
finale del mese, rendendo possibile una consistente discesa di aria Artica con isoterme in quota
decisamente basse:

novembre 2016 1 copy copy

Il mese di Dicembre invece ci potrebbe fare pagare con gli interessi il forte squilibrio termodinamico
sul quale sta versando il nostro emisfero, favorendo l'innesco di una ondata di gelo ad abbracciare
gran parte dell'Europa e Mediterraneo:

DICEMBRE 2016 1 copy

Insomma le prospettive sono votate a pesanti anomalie circolatorie nelle prossime settimane,
seguite gli aggiornamenti.

REDAZIONE METEODUE.IT
vp