• Benvenuti nel nuovo forum di Meteodue.it

Noaa Precipitation – october 2023

Alessandro 81

Utente esperto
MD GROUP
Messaggi
7,294
Reazioni
465
Punteggio
83
Località
Rimini
Sito web
portaledellameteorologia.it
Le mappe mostrate di seguito rappresentano le anomalie della precipitazione esclusivamente terrestre (a sinistra, utilizzando un periodo di base dal 1961 al 1990) e la percentuale della precipitazione normale esclusivamente terrestre (a destra, utilizzando l’intero periodo di registrazione) basate sul set di dati GHCN delle stazioni di superficie terrestri.”

Questa descrizione dettagliata si riferisce a due diverse mappe climatiche. La prima mappa (a sinistra) mostra le variazioni rispetto alla norma nelle precipitazioni che si verificano solo sulla terra, calcolate rispetto a un periodo di base che va dal 1961 al 1990. La seconda mappa (a destra) mostra la percentuale delle precipitazioni rispetto a ciò che è considerato normale, basandosi sull’intero arco di tempo durante il quale sono stati raccolti i dati. Entrambe le mappe utilizzano i dati provenienti dalle stazioni di superficie terrestri del GHCN, che è un database globale di osservazioni climatiche.
ms2l7XL.png

La mappa mostra le anomalie delle precipitazioni solamente terrestri per il mese di ottobre 2023. Queste anomalie sono differenze rispetto a un periodo di riferimento standard, in questo caso, i valori medi registrati tra il 1961 e il 1990. Ecco un’analisi più dettagliata di ciò che mostra la mappa:

  • Anomalie Positive (Blu): Le aree colorate in blu indicano dove la quantità di precipitazione è stata superiore alla media del periodo di base. Più scuro è il blu, maggiore è l’aumento rispetto alla norma.
  • Anomalie Negative (Marrone): Al contrario, le aree colorate in tonalità di marrone indicano dove la quantità di precipitazione è stata inferiore alla media. Più scura è la tonalità di marrone, maggiore è la carenza di precipitazioni.
  • Scala dei Colori e Valori: La barra dei colori nella parte inferiore della mappa fornisce una scala quantitativa delle anomalie, misurate in millimetri. Questa scala varia da -100 mm (grande deficit di precipitazione) a +100 mm (grande eccesso di precipitazione).
  • Fonte dei Dati: I dati provengono dalla versione 4 beta del GHCN-M (Global Historical Climatology Network-Monthly), che raccoglie dati sulle precipitazioni dalle stazioni di superficie terrestri sparse in tutto il mondo.
  • Aree Grigie: Le aree grigie sulla mappa rappresentano le regioni per le quali non sono disponibili dati. Ciò potrebbe essere dovuto a mancanza di stazioni meteorologiche, a problemi nella raccolta o trasmissione dei dati, o a ritardi nell’aggiornamento del database.
  • Proiezione della Mappa: La mappa utilizza la proiezione di Robinson, che è una proiezione compromissoria utilizzata per creare immagini relativamente realistiche del mondo intero. Questa proiezione minimizza sia la distorsione delle aree che quella delle forme, rendendola una scelta popolare per le mappe globali.
In conclusione, questa mappa è uno strumento che può essere utilizzato per monitorare e analizzare le variazioni di precipitazione in diversi luoghi della Terra, consentendo ai ricercatori e ai responsabili delle politiche di capire meglio i modelli climatici attuali e storici, nonché di prevedere e gestire le risorse idriche e rispondere agli eventi meteorologici estremi.
790ufMH.png

La mappa illustra la percentuale della precipitazione normale che è caduta su terre emerse nel mese di ottobre 2023, usando come periodo di riferimento gli anni 1961-1990. Questi dati aiutano a capire come la precipitazione in un determinato mese si confronta con la media storica per quel mese, offrendo una visione di come le condizioni climatiche attuali si discostino dalla norma. Ecco una spiegazione dettagliata degli elementi della mappa:

  • Percentuali sulla Mappa: I valori espressi in percentuale indicano il rapporto tra la quantità di pioggia caduta e la quantità media di precipitazioni in un normale ottobre tra il 1961 e il 1990. Ad esempio, se una regione mostra un valore del 150%, significa che ha ricevuto il 50% in più di precipitazioni rispetto alla media; se mostra un valore del 50%, ha ricevuto la metà delle precipitazioni normali.
  • Scala di Colori: La scala di colori va dal turchese al marrone. I colori turchese e blu indicano aree che hanno ricevuto precipitazioni superiori alla media (ad esempio, 120%, 150%, o 200%). Il marrone indica aree con precipitazioni inferiori alla media (ad esempio, 80%, 50%, o 25%).
  • Estremi di Precipitazione: La mappa mostra le zone in cui le precipitazioni sono state estremamente alte o basse. I valori particolarmente elevati possono indicare potenziali inondazioni, mentre valori molto bassi possono segnalare siccità.
  • Dati Mancanti (Aree Grigie): Le aree in grigio indicano luoghi per cui non si dispone di dati. Questo può essere dovuto a una varietà di fattori, come l’assenza di stazioni meteorologiche o difficoltà nella raccolta o trasmissione dei dati.
  • Fonte dei Dati e Proiezione della Mappa: La mappa si basa su dati del GHCN-M versione 4 beta e utilizza la proiezione cartografica di Robinson, che è una forma comune di rappresentazione del globo su una superficie piana che cerca di bilanciare gli aspetti della distorsione visiva.
Questa mappa può essere utilizzata per vari scopi analitici, dalla valutazione dell’impatto delle precipitazioni su agricoltura e risorse idriche, alla preparazione per eventi di inondazioni o siccità, fino allo studio degli effetti del cambiamento climatico su pattern meteorologici a lungo termine.
 

Alessandro 81

Utente esperto
MD GROUP
Messaggi
7,294
Reazioni
465
Punteggio
83
Località
Rimini
Sito web
portaledellameteorologia.it
La seguente analisi si basa sul Global Precipitation Climatology Project (GPCP) Interim Climate Data Record (Registro Climatico Provvisorio). È fornita grazie alla cortesia del team di Ricercatori Principali del GPCP presso l’Università del Maryland.

Punti salienti di ottobre:

  • L’attuale modello di El Niño e il Dipolo dell’Oceano Indiano (IOD) delle temperature superficiali del mare sono associati ai modelli di anomalie delle precipitazioni che vanno dall’Africa orientale, dove si verificano inondazioni, attraverso gli oceani Indiano e Pacifico fino al Centro e Sud America, dove si registrano condizioni di siccità.
  • La siccità in Europa è stata parzialmente mitigata da precipitazioni superiori alla media in questo mese, ma ciò è stato accompagnato da inondazioni nel Regno Unito e in Italia.
  • La precipitazione media globale per questo ottobre ha segnato un record per il mese, con un valore che è del 6% superiore alla media storica a lungo termine.
  • Anche l’intensità della Zona di Convergenza Intertropicale (ITCZ) globale ha raggiunto un livello record per il mese di ottobre, a causa del riscaldamento globale e delle condizioni attuali di El Niño.
Per questo mese di ottobre, i Monsoni del Sud Asia stanno concludendo la loro fase attiva mentre l’area generale delle piogge si sposta verso sud (vedi Fig. 1, pannello superiore) e la stagione dei cicloni tropicali dell’emisfero settentrionale si trova nel periodo di massima attività. La Zona di Convergenza Intertropicale (ITCZ) è fortemente visibile sia sul mare che sulla terra attraverso i tropici, con poche interruzioni, e le vie delle tempeste di media latitudine si spostano verso est e verso i poli in entrambi gli emisferi. Inoltre, l’El Niño in atto sembra estendere la sua influenza anche più lontano e altri effetti su grande scala stanno contribuendo a produrre le variazioni osservate per questo mese (vedi Fig. 1, pannelli centrale e inferiore). Come di consueto, è possibile identificare il risultato dei percorsi delle tempeste tropicali nei campi di anomalia, per esempio, spostandosi verso nord dai Caraibi verso l’Atlantico Settentrionale e anche dall’oceano Pacifico orientale verso il Messico.

Il campo della temperatura della superficie del mare (SST) tropicale è dominato dall’anomalia positiva di El Niño nel Pacifico centrale e orientale, con un indice Niño3.4 corrente di +1.7°C, in aumento rispetto al mese scorso. Anomalie negative di SST circondano buona parte dell’Indonesia e della Nuova Guinea, formando un binomio di gradienti con il Pacifico centrale. In più, nell’Oceano Indiano, si è formato negli ultimi mesi un Dipolo dell’Oceano Indiano (IOD) positivo di +1.8, definito come il gradiente di SST tra l’Oceano Indiano Occidentale e quello Orientale. Questo IOD positivo, con le sue anomalie positive di SST al largo dell’Africa, è spesso associato con gli eventi di El Niño e ne intensifica gli effetti nella regione dell’Africa, dell’Asia e dell’Australia. Questi schemi di SST risultanti e le grandi circolazioni atmosferiche associate producono le anomalie di precipitazione positive sull’area centrale del Pacifico tropicale (vedi Fig. 1, pannelli centrale e inferiore), le anomalie negative sulla Regione Marittima e all’estremità ovest dell’Oceano Indiano, e le anomalie positive su parti dell’Oceano Indiano occidentale e lungo la costa africana.

Sia l’indice Niño3.4 che l’IOD, essendo entrambi positivi, segnalano anche carenze pluviometriche in Australia, come è evidente nelle mappe delle anomalie. La Figura 2 presenta la mappa composita dell’anomalia di El Niño per i passati eventi di El Niño nel mese di ottobre, insieme alla mappa delle anomalie di questo ottobre, e i due quadri risultano molto simili per la regione, testimoniando l’influenza di El Niño e del fenomeno delle temperature superficiali del mare dell’Oceano Indiano. La correlazione tra questi due quadri nella Figura 2, nell’area dei tropici, è ora di +0,35, che rappresenta un lieve calo rispetto al mese scorso, ma che comunque evidenzia l’effetto di El Niño sullo schema climatico tropicale attuale.

Questi fattori climatici su larga scala nei tropici hanno implicazioni concrete. El Niño, in particolare con un IOD positivo, provoca precipitazioni sopra la media nell’Africa orientale, come si osserva nella Figura 2. Dopo un lungo periodo di siccità, specialmente nel Corno d’Africa, l’ultimo mese in quella regione ha registrato piogge molto intense e inondazioni in Somalia, Etiopia, Sud Sudan e Kenya. Subito a nord, il Ciclone Tej si è formato sul Mar Arabico e ha toccato terra al confine tra Oman e Yemen, causando inondazioni con un accumulo di 375 mm di pioggia in 24 ore. Anche nell’Africa Occidentale tropicale si sono verificate inondazioni e frane, in Camerun e in Ghana, ancora una volta mostrando una similitudine con il quadro di questo ottobre come nella mappa composita di El Niño.

Ulteriormente ad est, la maggior parte dell’India era arida (come mostrato dalla composita di El Niño), mentre l’Indocina (con inondazioni nel sud del Myanmar) e gran parte della Cina hanno registrato precipitazioni abbondanti, in contrasto con la composita. La maggior parte del Continente Marittimo, l’Oceano Indiano orientale e l’Australia hanno registrato una siccità, come ci si aspetterebbe in condizioni di El Niño. Attraverso il Pacifico tropicale, l’ITCZ è particolarmente intensa con precipitazioni superiori alla media, mentre immediatamente a nord si estende una zona distintamente arida, che comprende le isole Hawaii e la loro persistente siccità.

Anomalie positive intense si estendono verso nord dalla Zona di Convergenza Intertropicale (ITCZ) lungo la costa occidentale dell’America Centrale e del Messico. Questo è in parte collegato all’uragano Norma che ha colpito la Baja California e all’uragano Otis che si è rapidamente intensificato a categoria 5 sulle acque calde poco prima di impattare Acapulco con conseguenze devastanti.

Quasi tutta l’America del Sud è caratterizzata da anomalie negative di precipitazioni, particolarmente evidenti sull’Amazzonia, che sta sperimentando una siccità molto grave, e in alcune parti dell’Argentina, dove si sono verificati incendi boschivi. Una notevole eccezione a questa siccità è rappresentata dall’anomalia positiva che parte dal sud-est del Brasile, dove si sono verificate inondazioni, e prosegue verso l’Atlantico Meridionale. Il pattern generale osservato in Sud America si allinea in gran parte con le condizioni tipiche di El Niño. Nel Nord America, si registrano condizioni di siccità questo mese nel sud-ovest e sud-est, con condizioni più umide tra questi due estremi e lungo le regioni di confine tra Canada e Stati Uniti. Una fascia di anomalie positive di precipitazione attraversa l’Atlantico settentrionale, si estende verso l’Europa occidentale e prosegue nel nord dell’Asia. Questo fenomeno, che potrebbe essere alimentato o associato alla transizione di cicloni tropicali in tempeste di latitudini medie, ha in parte mitigato la siccità in Europa, causando alcune inondazioni nel Regno Unito e più a sud-est, nel nord dell’Italia (Milano e Toscana).

Il valore medio globale di 2,83 mm al giorno per questo ottobre (vedi Fig. 3) stabilisce un record per questo mese dell’anno, essendo il 6% superiore alla media globale a lungo termine per ottobre. Questo dato riflette l’impatto di El Niño sul breve termine e del riscaldamento globale sul lungo termine. Questo picco è stato determinato sia dai contributi delle componenti terrestri che oceaniche. Anche l’intensità dell’ITCZ globale, misurata come media delle massime precipitazioni lungo l’ITCZ per ogni longitudine, stabilisce un record per questo mese dell’anno, evidenziando il contributo di questa caratteristica tropicale al trend positivo a lungo termine nelle aree di pioggia ad alta intensità.
 

Alessandro 81

Utente esperto
MD GROUP
Messaggi
7,294
Reazioni
465
Punteggio
83
Località
Rimini
Sito web
portaledellameteorologia.it
MBNhBbL.png

Le tre mappe nella figura mostrano vari aspetti delle precipitazioni globali per ottobre 2023:

  1. Precipitazione Media (Primo Pannello):
    • Questa mappa mostra la distribuzione media giornaliera delle precipitazioni per ottobre 2023 in tutto il mondo.
    • Le aree colorate in tonalità di blu indicano dove sono cadute maggiori quantità di pioggia al giorno, con una gradazione che va dal blu chiaro (precipitazioni meno intense) al blu scuro (precipitazioni più intense).
    • Le aree colorate in tonalità di marrone rappresentano le regioni con scarsa o nessuna precipitazione.
    • Le aree equatoriali, tipiche per l’alta precipitazione a causa dell’ITCZ, mostrano tonalità più scure di blu.
  2. Anomalie delle Precipitazioni (Secondo Pannello):
    • La seconda mappa evidenzia come le precipitazioni di ottobre 2023 si confrontano con un valore medio di riferimento, probabilmente la media di lungo periodo per ottobre.
    • Le anomalie positive (più pioggia rispetto alla media) sono mostrate in blu, mentre le anomalie negative (meno pioggia rispetto alla media) sono mostrate in marrone.
    • Questa mappa è cruciale per identificare le regioni che hanno sperimentato condizioni insolite, sia in termini di siccità che di piogge eccessive.
  3. Cambiamento Percentuale (Terzo Pannello):
    • La mappa inferiore mostra le variazioni percentuali della pioggia rispetto alla media storica.
    • Le aree in tonalità di blu rappresentano un aumento percentuale delle precipitazioni rispetto alla norma, con i toni più scuri che indicano incrementi maggiori.
    • Le aree in tonalità di marrone rappresentano una diminuzione percentuale rispetto alla norma, con i toni più scuri che indicano decrementi maggiori.
    • Questa mappa fornisce una visione immediata delle regioni più colpite da variazioni significative delle precipitazioni, sia positive che negative.
Insieme, queste mappe forniscono un quadro comprensivo delle condizioni di precipitazione per ottobre 2023, mostrando non solo quanto è piovuto, ma anche come queste precipitazioni si confrontano con le medie storiche e quali sono state le variazioni percentuali. Queste informazioni sono vitali per analizzare le tendenze climatiche, gestire le risorse idriche e prepararsi a eventuali impatti sul terreno come inondazioni o siccità.
EiEDYwi.png

e due mappe in Figura 2 illustrano l’influenza di El Niño sulle precipitazioni durante il mese di ottobre, sia in termini di pattern storici che di anomalie attuali.

  1. Composita di El Niño (Primo Pannello):
    • La mappa superiore rappresenta un profilo medio delle precipitazioni durante precedenti eventi di El Niño nel mese di ottobre, ottenuto aggregando i dati da vari episodi di El Niño. Questo profilo composito è un riferimento che mostra come, in media, El Niño tende a influenzare il clima globale.
    • Le zone in tonalità di azzurro/blu rivelano aree dove, durante El Niño, ci sono state generalmente precipitazioni superiori alla media storica. Invece, le zone in tonalità di marrone/arancione indicano dove le precipitazioni sono state inferiori alla media.
  2. Anomalie delle Precipitazioni (Secondo Pannello):
    • La mappa inferiore dettaglia le anomalie delle precipitazioni per ottobre 2023. Questa mappa è un’istantanea di come le precipitazioni in questo particolare ottobre si discostano dalla media storica per quel mese.
    • Anche qui, il blu indica un’eccedenza di precipitazioni rispetto alla media, mentre il marrone indica un deficit. La mappa permette di identificare quali regioni hanno ricevuto più o meno pioggia del solito.
Confrontando queste due mappe, possiamo capire se il pattern di precipitazioni di ottobre 2023 segue il comportamento tipico associato agli eventi di El Niño. Per esempio, se una regione normalmente asciutta durante El Niño è mostrata in blu nella composita e anche in blu nelle anomalie di ottobre 2023, ciò confermerebbe l’influenza di El Niño sulle condizioni meteorologiche attuali.

Questa analisi comparativa è cruciale per pianificare risposte a eventi climatici estremi, come preparazione a potenziali inondazioni o siccità nelle regioni colpite in modo anomalo dalle precipitazioni.
 

Alessandro 81

Utente esperto
MD GROUP
Messaggi
7,294
Reazioni
465
Punteggio
83
Località
Rimini
Sito web
portaledellameteorologia.it
YmbpT7i.png

I grafici mostrati in Figura 3 tracciano le precipitazioni globali nel mese di ottobre per il periodo 1979-2023, con una distinzione tra precipitazioni complessive (terra+oceano), solo terrestri e solo oceaniche.

  1. Precipitazione Globale di Ottobre (Terra + Oceano) – Grafico Superiore:
    • Il primo grafico rappresenta la precipitazione media globale giornaliera, che include sia la terra che l’oceano.
    • La linea mostra la variazione annuale e, nel corso del periodo rappresentato, si osserva una leggera tendenza all’aumento, culminante con un picco evidente nel 2023.
  2. Precipitazione di Ottobre per la Terra – Grafico Centrale:
    • Il secondo grafico si concentra esclusivamente sulle precipitazioni terrestri.
    • Anche qui si vede un’oscillazione annuale con una lieve tendenza all’incremento nel corso degli anni. Il 2023 mostra un aumento rispetto ai valori degli ultimi anni, suggerendo condizioni più umide rispetto alla media storica.
  3. Precipitazione di Ottobre per l’Oceano – Grafico Inferiore:
    • Il terzo grafico mostra le precipitazioni medie giornaliere per le aree oceaniche.
    • La variazione è più marcata rispetto alle precipitazioni terrestri, con picchi e valli più pronunciati. Anche in questo caso, il 2023 mostra un aumento notevole rispetto alla tendenza generale.
Questi grafici forniscono una visualizzazione delle tendenze a lungo termine delle precipitazioni globali, con il 2023 che si distingue per avere una quantità di precipitazioni maggiore sia sulla terra che sugli oceani. Tali tendenze possono essere influenzate da cicli climatici naturali come El Niño o La Niña, oltre che da cambiamenti più ampi nel sistema climatico, come quelli indotti dal riscaldamento globale. Il picco nel 2023 potrebbe indicare eventi climatici eccezionali o una tendenza al rafforzamento di tali eventi a causa del cambiamento climatico.
 

Alessandro 81

Utente esperto
MD GROUP
Messaggi
7,294
Reazioni
465
Punteggio
83
Località
Rimini
Sito web
portaledellameteorologia.it
Drought in October 2023

Panoramica di Ottobre 2023:
Nel mese di ottobre 2023, condizioni aride persistevano in ampie zone del Canada, del Sud America, dell’Australia, del nord della Cina e della regione mediterranea. Allo stesso tempo, precipitazioni benefiche si registravano in alcune aree colpite dalla siccità negli altri continenti. Le condizioni anomalamente calde continuavano a predominare in tutti i continenti, con l’Asia e il Sud America che hanno registrato un ottobre da record per le temperature elevate. Anche l’Africa, l’Europa e il Nord America hanno vissuto il secondo ottobre più caldo della storia. Questo calore estremo, protrattosi per diversi mesi, ha aumentato l’evapotraspirazione, aggravando la siccità nelle zone già secche e, in alcuni casi, vanificando gli effetti delle precipitazioni benefiche.

Una significativa porzione delle terre agricole mondiali continuava a soffrire di bassi livelli di umidità del suolo e delle falde acquifere. Le osservazioni satellitari evidenziavano una vegetazione stressata in tutti i continenti. Queste condizioni di siccità hanno avuto un impatto negativo sui raccolti, riducendone i rendimenti e causando un aumento dei prezzi dei prodotti alimentari a livello globale.

Il GEOGLAM Crop Monitor ha evidenziato che l’agricoltura era particolarmente minacciata in alcune parti delle Americhe, dell’Africa Orientale, dell’Europa orientale, del sud dell’Asia, nonché in specifiche zone dell’Australia e dell’Indonesia. Il Famine Early Warning System Network (FEWSNet) ha rivelato che la sicurezza alimentare rimaneva precaria in varie regioni del Centro e Sud America, del Sud-Ovest Asiatico e in gran parte dell’Africa.

La Reuters ha riferito che, in concomitanza con la pubblicazione del loro rapporto annuale sullo Stato delle Risorse Idriche Globali del 2022 in ottobre, l’Organizzazione Meteorologica Mondiale ha dichiarato che il ciclo idrologico sta diventando sempre più sbilanciato a causa del cambiamento climatico. Questo ha portato a un appello per un cambiamento fondamentale nelle politiche, mirato a migliorare il monitoraggio delle risorse idriche. Inoltre, la Reuters ha aggiunto che l’Università delle Nazioni Unite, attraverso il suo Istituto per l’Ambiente e la Sicurezza Umana, ha avvertito nel loro rapporto sui Rischi di Disastri Interconnessi che il mondo sta avanzando verso una serie di “punti di svolta” ambientali. Questi potrebbero portare a danni irreversibili alle risorse idriche e ad altri sistemi vitali per il sostentamento della vita sulla Terra.

Nel mese di ottobre 2023, le regioni del sud-est Europa e le zone costiere del Mediterraneo hanno sperimentato condizioni di siccità più marcate rispetto alla norma, mentre la maggior parte dell’Europa occidentale e settentrionale ha registrato livelli di precipitazioni superiori al normale. Questo modello anomalo di precipitazioni si è mantenuto costante negli ultimi 2-3 mesi. Le temperature sono state superiori alla media nella metà meridionale del continente, mentre in Scandinavia sono state inferiori alla norma. Questo ha reso ottobre 2023 il secondo ottobre più caldo a livello continentale nel registro della NOAA/NCEI, che risale al 1910. Le anomalie di calore sono state persistenti per tutta l’estate, conferendo all’Europa i periodi più caldi di più mesi consecutivi da giugno-ottobre fino a settembre-ottobre e, combinati con il calore anomalo registrato all’inizio dell’anno, hanno portato a registrare i periodi più caldi da febbraio-ottobre e gennaio-ottobre.

Le condizioni di siccità si sono espanse verso nord a partire dal sud e dall’est su scale temporali più lunghe. Secondo l’Indice di Precipitazione Standardizzato (SPI), gran parte dell’Europa, dall’area mediterranea fino al Mar Baltico, ha mostrato segni di siccità su scale di 2-5 anni. Il calore eccessivo ha intensificato l’evapotraspirazione, aggravando ulteriormente le condizioni di siccità. I suoli sono risultati asciutti dall’area mediterranea al Mar Caspio e fino al nord Europa. L’indicatore satellitare GRACE del livello delle acque sotterranee ha rivelato una scarsità di falde acquifere in gran parte del continente europeo. Le osservazioni satellitari riguardanti la salute vegetativa, misurate tramite l’Indice di Salute Vegetativa (VHI), hanno mostrato una vegetazione stressata nella maggior parte del continente. L’Indicatore Combinato di Siccità Europeo ha evidenziato che le aree più gravemente colpite dalla siccità si trovano nelle regioni orientali e mediterranee dell’Europa, con il 48,6% del territorio dell’UE-27 che si trova in condizioni di preallarme, allarme o allerta di siccità, rappresentando un aumento rispetto al mese precedente.

Secondo quanto riportato dai media (The Washington Post), il calore estremo, gli incendi e la siccità hanno nuovamente decimato gran parte del raccolto mondiale di olio d’oliva, portando il prezzo a un livello record di 9.000 dollari USA per tonnellata metrica. La Spagna, che rappresenta la fonte della metà dell’approvvigionamento mondiale di olio d’oliva e detiene il ruolo di principale determinante dei prezzi globali, ha riferito a maggio una riduzione del 48% nella produzione rispetto all’anno scorso.

La BBC ha aggiunto che, secondo l’Organizzazione Internazionale della Vite e del Vino, le condizioni meteorologiche sfavorevoli in tutto il mondo potrebbero portare la produzione globale di vino a raggiungere il livello più basso degli ultimi sessant’anni. Secondo Decanter, il sistema di assicurazione agricola Agroseguro ha riportato che i danni assicurati subiti dai viticoltori, causati dalla siccità e da molteplici tempeste di grandine, sono stati stimati in 100,5 milioni di euro nel 2023. Questo importo è più del doppio dei risarcimenti per i danni alle uve dell’anno precedente e rappresenta l’ammontare più elevato dalla fondazione di Agroseguro nel 1978.

L’organizzazione mediatica francese The Local France ha segnalato che un nuovo studio commissionato dal governo francese ha scoperto che milioni di abitazioni francesi sono a rischio di danni strutturali, con la situazione aggravata dalla siccità. Yahoo News/AFP ha riferito che le acque un tempo profonde e correnti del fiume Doubs, nell’est della Francia, si sono ora ridotte a un letto asciutto che i locali possono attraversare quasi senza bagnarsi i piedi.

Nasdaq/Reuters ha osservato che la prolungata assenza di pioggia nella maggior parte delle regioni dell’Ucraina ha creato condizioni avverse sia per la semina in corso delle colture invernali sia per le piante già seminate. L’Ucraina è un tradizionale produttore di grano invernale, orzo e colza.
 

Alessandro 81

Utente esperto
MD GROUP
Messaggi
7,294
Reazioni
465
Punteggio
83
Località
Rimini
Sito web
portaledellameteorologia.it
Ottobre è stato più umido del solito in ampie zone dell’Asia, mentre aree più secche sono state registrate in alcune parti dell’India, nel nord della Cina fino alla Siberia orientale e in parti dell’Asia sud-occidentale. Su scale temporali più estese, l’Indice di Precipitazione Standardizzato (SPI) ha rivelato condizioni di secchezza in parti della Russia e dell’India su scale di 2-6 mesi; parti del Sud-est Asiatico e dalla Cina settentrionale alla Russia occidentale e meridionale su scale di 1-4 anni; e nell’Asia sud-occidentale negli ultimi 6 mesi fino a 6 anni, con un’intensità della siccità e un’area coperta che aumentano con scale temporali più lunghe. Le temperature di ottobre 2023 sono state superiori alla norma in quasi tutto il continente, rendendo l’Asia il continente con l’ottobre più caldo mai registrato secondo i dati NOAA/NCEI. Un calore persistente e diffuso negli ultimi mesi ha reso l’Asia la regione con i periodi multi-mensili più caldi mai registrati da marzo-ottobre a settembre-ottobre. Il calore eccessivo ha aumentato l’evapotraspirazione in gran parte dell’Asia, specialmente in Russia e nella Cina settentrionale, secondo l’Indice di Stress Evaporativo (ESI). La mancanza di precipitazioni e l’elevata evaporazione hanno asciugato i suoli nel sud dell’Asia, così come in parti della Russia e della Cina, come evidenziato dai prodotti satellitari (GRACE), e i livelli delle acque sotterranee sono stati notevolmente ridotti (GRACE). Le osservazioni satellitari (VHI) hanno rivelato una scarsa salute della vegetazione in gran parte della Russia e in modo particolarmente grave dall’Asia sud-occidentale alla Cina settentrionale e alla Mongolia. Le condizioni di siccità sono state confermate nelle regioni settentrionali, orientali e costiere sud-occidentali dell’India dal Drought Monitor indiano, coprendo circa il 26,3% del paese, un aumento rispetto al mese precedente. Alcuni livelli di siccità a breve o lungo termine sono stati indicati anche su alcune isole del Pacifico sud-occidentale nelle mappe dell’NIWA Island Climate Update, prevalentemente nelle regioni meridionali, settentrionali e orientali a 1-3 mesi e nelle isole centrali e orientali su scale di 6-12 mesi.Secondo i report dei media (Stuff), la siccità sta riducendo la disponibilità di prodotti agricoli, comprese le nocciole. La Turchia, che produce il 70% delle nocciole mondiali, sta affrontando una siccità e danni alle colture causati dagli insetti da maggio, influenzando negativamente la stagione di crescita principale. Bianet ha segnalato che le temperature elevate a Istanbul e in tutta la Turchia hanno avuto un impatto sui livelli dell’acqua nei serbatoi della città, suscitando preoccupazioni per una potenziale crisi idrica. Il Daily Sabah ha aggiunto che la ridotta piovosità di quest’anno ha portato a un drastico calo nei livelli dell’acqua in tre delle dieci dighe, scendendo a solo circa il 3%, con il rischio che la persistente scarsità di piogge possa portare all’asciugamento di alcune dighe che riforniscono di acqua Istanbul. Secondo il World Weather Attribution, a partire dall’inverno boreale del 2020, una vasta area dell’Asia occidentale, che include il Crescente Fertile intorno ai fiumi Eufrate e Tigri nonché l’Iran, ha sofferto di piogge eccezionalmente scarse e temperature elevate. La siccità triennale risultante ha avuto gravi impatti sull’agricoltura e sull’accesso all’acqua potabile. Il Business Times ha notato che l’ufficio di statistica dell’Indonesia ha dichiarato che si prevede un calo della produzione di riso del 2023 del 2% fino a 30,90 milioni di tonnellate, a causa del clima estremamente secco provocato dal fenomeno El Niño che sta influenzando i raccolti. Il Bangkok Post/Xinhua News Agency ha aggiunto che questa interruzione nella produzione di riso ha costretto l’Indonesia, la maggiore economia del Sud-est asiatico, a ricorrere alle importazioni per assicurare le scorte interne. L’organizzazione mediatica Coconuts Bali ha riferito che è stato dichiarato lo stato di emergenza nella provincia indonesiana di Bali in risposta alla crescente crisi di siccità nella regione. Il Governatore ad interim Sang Made Mahendra ha descritto condizioni meteorologiche estreme tra luglio e ottobre 2023, che hanno lasciato 113 banjar (villaggi tradizionali) a lottare con una grave carenza di acqua potabile.

Ottobre ha continuato ad essere secco in gran parte della costa mediterranea (regione del Maghreb) dell’Africa, così come nelle parti centrali e meridionali del continente. L’Africa orientale (Corno d’Africa) è stata più umida del normale in ottobre, offrendo una pausa benefica da mesi o anni di precipitazioni insufficienti nella regione. Le aree di siccità si sono espanse in dimensioni su scale temporali più lunghe, fino a 6 mesi, secondo l’Indice di Precipitazione Standardizzato (SPI). La maggior parte del Nord Africa ha mostrato una forte siccità su scale temporali di 12-60 mesi, con l’aridità che si estendeva verso sud e iniziava a manifestarsi nell’Africa orientale a partire da 12 mesi. La maggior parte dell’Africa ha registrato temperature superiori alla norma in questo mese, con ottobre 2023 che si è classificato come il secondo ottobre più caldo su scala continentale. Il calore eccessivo all’inizio dell’anno ha portato ai periodi multi-mensili più caldi dall’ultimo bimestre (settembre-ottobre) all’inizio dell’anno (gennaio-ottobre). Il calore eccessivo ha aumentato l’evapotraspirazione, come evidenziato dall’Indice di Stress Evaporativo (ESI). Le osservazioni satellitari (GRACE) hanno mostrato una persistente bassa umidità del suolo e delle acque sotterranee nel Maghreb e nelle regioni settentrionali adiacenti, su parti del Corno d’Africa e su parti dell’Africa centrale e meridionale, con le condizioni peggiori nelle regioni settentrionali e centrali. Le osservazioni satellitari sulla salute della vegetazione (VHI) hanno rivelato una vegetazione stressata nella regione del Maghreb e in gran parte dell’Africa meridionale. Un’analisi del Monitor Africano delle Inondazioni e della Siccità ha stimato che il 21% del continente fosse in condizioni di siccità alla fine di ottobre, in linea con il mese precedente.
 

Alessandro 81

Utente esperto
MD GROUP
Messaggi
7,294
Reazioni
465
Punteggio
83
Località
Rimini
Sito web
portaledellameteorologia.it
Secondo i rapporti dei media statali (Yale Climate Connections), tra il 2016 e il 2018, più di 2 milioni di persone in Somalia hanno abbandonato le loro case, cercando rifugio altrove all’interno del proprio paese. Alcuni hanno affermato di aver lasciato le loro case a causa di conflitti violenti, ma molti altri hanno indicato la siccità come motivo principale della loro partenza. Reuters ha aggiunto che a seguire la storica siccità in Somalia e nei paesi vicini dell’Africa orientale ci sono state piogge alluvionali, con le Nazioni Unite che hanno descritto le inondazioni come un evento secolare. Le Nazioni Unite hanno dichiarato che circa 1,6 milioni di persone in Somalia potrebbero essere colpite dai forti acquazzoni stagionali, peggiorati dall’impatto combinato di due fenomeni climatici: El Niño e il Dipolo dell’Oceano Indiano. France 24 ha riferito che l’arcipelago francese di Mayotte, situato vicino al Madagascar, inizierà a distribuire acqua in bottiglia ai suoi 310.000 abitanti a novembre, in quanto la regione sta affrontando il peggior episodio di siccità di questo secolo.Come nel mese scorso, la maggior parte dell’Australia è stata più secca del normale durante ottobre 2023. Le temperature mensili sono state notevolmente più calde del normale nell’Australia occidentale, leggermente più calde del normale nell’est e vicine o inferiori alla norma nelle regioni centrali. Secondo il Bureau of Meteorology australiano, il continente ha registrato il quinto ottobre più secco nel record dal 1900 a oggi e il periodo agosto-ottobre più secco. L’Indice di Precipitazione Standardizzato (SPI) indica condizioni di siccità su scala continentale per periodi di 2-3 mesi, con condizioni umide nelle zone centro-settentrionali per 6-12 mesi, mentre rimane molto secco ad ovest e ad est. Le condizioni umide dominano su scale temporali più estese, ad eccezione delle coste sud-occidentali e nord-orientali. L’Indice di Stress Evaporativo (ESI) ha evidenziato un aumento dell’evapotraspirazione nelle aree occidentali e orientali a causa del calore durante ottobre e nei mesi precedenti. I dati sulla umidità del suolo GRACE mostrano suoli secchi che si estendono dalla costa occidentale a quella orientale, con suoli umidi al nord e sud-est. I dati GRACE hanno anche rivelato basse riserve di acque sotterranee nelle regioni occidentali e orientali. Questi modelli anomali sono stati confermati dalle analisi del Bureau of Meteorology australiano e dall’Indicatore Combinato di Siccità australiano, che hanno anche rilevato basse portate fluviali lungo le coste occidentali, orientali e meridionali, nonché alcuni settori di queste coste con livelli bassi di riserve idriche.

Secondo quanto riportato dai media (The Sydney Morning Herald), alcuni agricoltori australiani si stanno trovando costretti a offrire gratuitamente le proprie pecore a chiunque le accetti, a fronte di un crollo dei prezzi del bestiame in previsione di una prossima estate arida, che temono possa lasciare i pascoli privi di nutrimento. Quasi tre anni di abbondanti piogge sulla costa orientale avevano riempito i pascoli e incoraggiato gli agricoltori a ricostruire i loro greggi dopo che una siccità precedente aveva drasticamente ridotto il numero di capi di bestiame. L’Australian Broadcasting Corporation ha osservato che i trasportatori d’acqua sono al lavoro senza sosta poiché le condizioni di siccità iniziano a farsi sentire nella Valle dell’Hunter, in New South Wales. Le scorte di cibo e acqua si stanno esaurendo, e gli agricoltori stanno eliminando il bestiame per cercare di far fronte alla situazione. Channel News Asia ha riferito che centinaia di pompieri hanno combattuto contro gli incendi boschivi nello stato orientale del Queensland il 25 ottobre, dove temperature elevate e venti secchi hanno contribuito a creare alcune delle condizioni più pericolose degli ultimi anni. The Guardian ha evidenziato le preoccupazioni delle autorità riguardo all’uso dell’acqua a Sydney. Ben Blayney, responsabile della fornitura e produzione idrica presso Sydney Water, ha dichiarato che le dighe della grande Sydney sono al 89% della loro capacità, ma ha avvertito che “le situazioni possono cambiare molto rapidamente”.

In Sud America, il mese di ottobre è stato più secco del solito nella maggior parte del continente, tranne che in alcune aree, come la costa sud-orientale del Brasile, dove le condizioni sono state più umide del normale. Questa tendenza è stata la predominante secondo le mappe SPI (Standardized Precipitation Index) negli ultimi 2-6 mesi. La parte meridionale del continente ha registrato temperature quasi medie, mentre il resto del Sud America ha sperimentato temperature superiori alla norma. Il caldo è stato così intenso che ottobre 2023 è stato registrato come l’ottobre più caldo a livello continentale secondo i dati NOAA/NCEI. Il 2023 è stato caratterizzato da un calore eccessivo, rendendolo il periodo di più mesi consecutivi più caldo mai registrato per ciascuno degli ultimi 12 periodi (da novembre-ottobre a settembre-ottobre, inclusi i mesi singoli). Le aree con precipitazioni superiori alla norma sono aumentate nelle scale temporali di 12 mesi o più, anche se le temperature insolitamente elevate hanno incrementato l’evapotraspirazione, che ha in parte annullato l’effetto delle precipitazioni abbondanti in alcune zone. Lo SPI ha indicato una siccità eccessiva su scale temporali di più anni in regioni che vanno dall’Argentina e dal Cile al Perù e a parti del Brasile, così come in Venezuela. Le osservazioni satellitari (GRACE) hanno rivelato vaste aree con bassi livelli di acqua sotterranea e umidità del suolo che vanno dal Venezuela al Brasile e dal sud del Perù fino alla punta meridionale del continente. Le analisi satellitari hanno inoltre mostrato una cattiva salute della vegetazione in gran parte del continente, in particolare in alcune regioni del Brasile, della Bolivia fino all’Argentina. La siccità è stata confermata in Brasile attraverso il Monitor della Siccità Brasiliana, in Bolivia sul Monitor della Siccità Boliviana, in Cile e Argentina tramite il Sistema di Informazione sulla Siccità del Sud America Meridionale e le mappe dell’Indice Combinato della Siccità Cilena, e nei paesi dell’America del Sud occidentale attraverso il Monitor Regionale della Siccità dell’America del Sud Occidentale.
 

Alessandro 81

Utente esperto
MD GROUP
Messaggi
7,294
Reazioni
465
Punteggio
83
Località
Rimini
Sito web
portaledellameteorologia.it
Secondo i report dei media (Reuters), la severa siccità in Brasile sta causando il prosciugamento dei maggiori fiumi nella foresta amazzonica e sta interrompendo il traffico navale nelle vicinanze della più grande città della regione, aumentando i costi per le rotte di navigazione settentrionali e incrementando i rischi per le esportazioni di mais nei mesi a venire. Il livello dell’acqua a Manaus, un importante porto fluviale nella foresta amazzonica del Brasile, ha raggiunto il suo punto più basso degli ultimi 121 anni il 16 ottobre. L’Associated Press (AP) ha aggiunto che i livelli d’acqua storicamente bassi stanno influenzando centinaia di migliaia di persone e la fauna selvatica. Migliaia di comunità isolate che dipendono dai corsi d’acqua della foresta amazzonica sono rimaste isolate senza rifornimenti di carburante, cibo o acqua potabile. Nello stato dell’Amazonas, che ha un’estensione pari a tre volte quella della California, 59 dei suoi 62 comuni sono stati dichiarati in stato di emergenza, impattando su 633.000 persone. Decine di delfini dei fiumi sono morti e sono stati ritrovati spiaggiati. Inoltre, migliaia di pesci morti galleggiano sulla superficie dell’acqua. L’AP ha anche riferito che l’Amazzonia brasiliana sta affrontando un’ondata di incendi boschivi insieme alla storica siccità, e che il denso fumo dagli incendi sta impattando le popolazioni locali. A Manaus, città di 2 milioni di abitanti, la qualità dell’aria è tra le peggiori a livello globale, portando alla sospensione delle lezioni universitarie e alla cancellazione di diverse attività, incluso un maratona internazionale.

L’organizzazione mediatica Stuff ha riferito che la siccità sta riducendo la disponibilità di prodotti agricoli, tra cui le arachidi, che ora sono scarse e più costose a causa della siccità in Argentina. Secondo quanto riportato da Reuters, la Borsa dei Cereali di Rosario ha avvertito che le principali aree agricole dell’Argentina potrebbero subire “perdite enormi” nei raccolti di grano a causa di un’altra siccità, mentre il paese è ancora alle prese con una siccità nell’ultimo ciclo, ritenuta la peggiore degli ultimi 60 anni. Reuters ha anche segnalato che, in Bolivia, i dieci serbatoi che riforniscono La Paz — una delle città più grandi del paese con circa 2,2 milioni di abitanti — hanno in totale solo 135 giorni di riserva idrica. Questo ha spinto più di trecento boliviani a marciare sotto un sole cocente fino a una pianura arida vicino alla diga di Incachaca, che si affaccia su La Paz, per pregare per la pioggia e la fine di una grave siccità che sta minacciando la loro fornitura idrica. La Prensa Latina ha riferito che il governo boliviano ha annunciato che 200.871 famiglie sono state colpite dalla siccità che sta devastando diverse regioni, alcune delle quali hanno dichiarato uno stato di disastro o emergenza. Il vice ministro della difesa civile, Juan Carlos Calvimontes, ha dichiarato che Oruro ha proclamato uno stato di “disastro”, mentre le regioni di La Paz, Cochabamba e Chuquisaca hanno dichiarato lo stato di emergenza. Reuters ha aggiunto che i livelli dell’acqua del Lago Titicaca stanno raggiungendo livelli record, aggravati dal fenomeno meteorologico di El Niño che comporta meno pioggia nell’area, aggravando un lungo periodo di siccità e temperature insolitamente alte. Il Lago Titicaca è un ecosistema importante per la fauna selvatica in Bolivia e Perù e una fonte di acqua per milioni di persone, compresa la città di El Alto, a circa 40 chilometri (25 miglia) a est. La siccità sta raggiungendo livelli critici per l’agricoltura della regione, con agricoltori locali ed esperti che osservano che, se non dovesse piovere entro i primi di dicembre, non sarà possibile la semina delle patate, uno degli alimenti base per le comunità rurali e le città della Bolivia. Reuters ha riferito che l’Ecuador introdurrà interruzioni di corrente per diverse ore al giorno fino a metà dicembre a causa di una forte siccità che ha colpito la produzione nelle sue centrali idroelettriche. La siccità più grave degli ultimi cinquant’anni nel paese, che il governo attribuisce al fenomeno El Niño, ha interessato le regioni orientali e meridionali dove operano il 90% delle centrali idroelettriche.

In Nord America, ottobre è stato più secco del normale nelle aree che vanno dal sud-ovest al centro-nord del Canada, nell’est del Canada, nel sud-est degli Stati Uniti, nel sud-ovest degli Stati Uniti fino al nord del Messico e nel sud del Messico fino all’America Centrale. Le temperature sono state più calde del normale nel nord e nell’est del Canada, nell’ovest degli Stati Uniti fino all’America Centrale, e in gran parte dell’est degli Stati Uniti, eccetto il sud-est. A livello continentale, ottobre 2023 si è classificato come il secondo ottobre più caldo nel record della NOAA/NCEI. Come si può vedere dalla mappa ESI, le temperature sopra la norma hanno aumentato l’evapotraspirazione in gran parte del Canada e dall’area delle pianure meridionali degli Stati Uniti fino all’America Centrale, peggiorando le condizioni di siccità. Temperature anormalmente elevate durante l’estate e una parte della primavera hanno portato a temperature record a livello continentale nei periodi multi-mensili che vanno da aprile-ottobre a settembre-ottobre. Il SPI ha indicato che una intensa secchezza ha dominato gran parte del Canada, la maggior parte del Messico e dell’America Centrale, e parti del sud degli Stati Uniti negli ultimi 2 mesi fino a 4 anni. Condizioni di secchezza erano evidenti anche nella maggior parte della Valle del Mississippi su scale temporali di 6-12 mesi, gran parte delle Grandi Pianure su scale di 24-48 mesi, e in parti fino a gran parte dell’ovest degli Stati Uniti su scale di 2-6 anni. Secondo le analisi nazionali, gli Stati Uniti contigui hanno registrato il 18° ottobre più caldo e il 57° più secco nel record dal 1895 al 2023, con una siccità da moderata a eccezionale che copriva il 36,5% della nazione, una percentuale inferiore rispetto al mese precedente. In Messico, una siccità da moderata a eccezionale copriva il 69,1% del paese alla fine di ottobre, anch’essa una percentuale inferiore rispetto al mese precedente. In Canada, il 73% del territorio era classificato come Anormalmente Secco (D0) o in una Siccità da Moderata a Eccezionale (D1-D4), un aumento rispetto al mese precedente. Centinaia di grandi incendi boschivi sono avvenuti in tutti e tre i paesi durante ottobre. Osservazioni satellitari (GRACE) hanno rivelato estese aree con scarsa disponibilità di acque sotterranee nella maggior parte del Canada, del Messico e dell’America Centrale, e in gran parte degli Stati Uniti, con una predominanza di scarsa umidità del suolo in Canada e nel sud del Messico fino all’America Centrale, nonché in parti del sud-ovest e del sud-est degli Stati Uniti. L’analisi satellitare ha indicato una scarsa salute vegetativa in gran parte del continente, in particolare in parti del Canada e dall’area sud-occidentale degli Stati Uniti fino al Messico. Il prodotto North American Drought Monitor ha evidenziato la presenza di siccità negli Stati Uniti dal Pacifico Nord-ovest alla maggior parte del Canada, dal sud-ovest degli Stati Uniti alla maggior parte del Messico, e da parti della costa orientale degli Stati Uniti fino al fiume Mississippi e parti delle Grandi Pianure. Le mappe SPI del Caribbean Regional Climate Center hanno mostrato aree di secchezza a breve termine (da 1 a 6 mesi) o a lungo termine (da 12 a 24 mesi) in parti delle isole dei Caraibi.
 

Alessandro 81

Utente esperto
MD GROUP
Messaggi
7,294
Reazioni
465
Punteggio
83
Località
Rimini
Sito web
portaledellameteorologia.it
In Canada, l’AAFC (Agricoltura e Agroalimentare Canada) ha riportato che condizioni di secchezza anomala o di siccità hanno interessato il 79% del territorio agricolo del paese, registrando un aumento rispetto al mese precedente. Le statistiche del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) hanno indicato che, alla fine di ottobre, il 39% dell’umidità del terreno superficiale della nazione e il 50% dell’umidità del sottosuolo erano insufficienti o molto insufficienti (asciutti o molto asciutti), e che il 18% del raccolto di grano invernale e il 37% dei pascoli e delle aree di pascolo della nazione erano in condizioni povere o molto povere.

Secondo i resoconti dei media (CNN), il fiume Mississippi ha raggiunto un livello storicamente basso nell’ottobre 2023, causando interruzioni nel traffico delle chiatte e permettendo l’avanzamento dell’acqua salata verso l’alto lungo il fiume in Louisiana. Questo rappresenta il secondo anno consecutivo in cui si registra un livello record basso del fiume. La Canadian Broadcasting Corporation ha osservato che la persistente siccità in molte aree della Columbia Britannica sta portando alcuni fiumi nella parte settentrionale dell’entroterra della provincia ai loro livelli più secchi a metà ottobre da anni. I leader di Cumberland House, in Saskatchewan, hanno dichiarato lo stato di emergenza poiché la comunità dispone solo di quattro settimane di riserva idrica nel suo serbatoio, una situazione allarmante con l’avvicinarsi dell’inverno. Il serbatoio è l’unica fonte d’acqua per la comunità e ciò potrebbe avere impatti sulla salute e sicurezza di coloro che ne dipendono. CFJC Today ha riferito che le preoccupazioni continue legate alla siccità e agli incendi boschivi hanno compromesso la produzione di fieno in molti luoghi della Columbia Britannica. Molti allevatori stanno affrontando difficoltà e costi maggiori per alimentare il loro bestiame, e di conseguenza, un numero maggiore di vitelli viene immesso sul mercato. All About Feed ha segnalato che la siccità in alcune parti delle praterie canadesi durante la stagione di crescita del 2023 ha ridotto drasticamente le scorte di foraggio, spingendo gli allevatori di bovini da carne a cercare alternative per l’alimentazione e addirittura a considerare la riduzione delle loro mandrie. Le due maggiori province produttrici di carne bovina in Canada, Alberta e Saskatchewan, che rappresentano rispettivamente oltre il 49% e circa il 29% del totale nazionale del bestiame, sono state le più colpite dalle condizioni di siccità. La Canadian Broadcasting Corporation ha inoltre riferito che la siccità diffusa nel bacino del Lago Winnipeg ha obbligato Manitoba Hydro ad attivare la sua centrale elettrica di Brandon mesi prima del picco invernale, quando di solito la centrale a gas viene utilizzata solo come ultima risorsa.

World Nation News ha riportato che in Messico il prezzo delle tortillas, uno degli alimenti base del paese, subirà presto un ulteriore aumento. Questo aumento è dovuto alla grave siccità che ha colpito gli stati maggiormente produttori di mais, come Sinaloa, che contribuisce con il 20% alla produzione nazionale di cereali, e al divieto imposto quest’anno dal governo federale sull’importazione di mais bianco transgenico. L’Associated Press ha riferito che la Commissione Nazionale dell’Acqua del Messico ha annunciato restrizioni all’uso dell’acqua pari a circa l’8% del flusso del sistema Cutzamala, e milioni di utenti a Città del Messico e Toluca temono restrizioni ancora più severe durante l’inverno. Queste restrizioni sono necessarie a causa dei bassi livelli dei serbatoi, risultato della scarsità di piogge durante la stagione delle piogge in Messico, che è quasi terminata. Marketplace ha riferito che il 20 ottobre l’Autorità del Canale di Panama ha annunciato la sospensione temporanea delle aste per le chiuse Neopanamax e Panamax, poiché il canale sta affrontando una siccità. Reuters ha aggiunto che il Canale di Panama, uno dei principali percorsi commerciali marittimi mondiali, ridurrà ulteriormente i passaggi giornalieri delle navi nei prossimi mesi a causa di una grave siccità, provocando un aumento dei costi di spedizione. I posti prenotabili, già ridotti a 31 al giorno, verranno tagliati a 25 al giorno a partire dal 3 novembre e saranno ulteriormente ridotti gradualmente nei tre mesi successivi fino a 18 posti dal 1° febbraio. La quantità di pioggia registrata per ottobre è stata la più bassa dal 1950 (41% in meno) e finora il 2023 si classifica come il secondo anno più secco per lo stesso periodo. Marine Insight ha aggiunto che, con il Canale di Panama che sta vivendo la peggiore siccità in 73 anni, enormi petroliere sono state costrette a smettere completamente di usare il Canale. Questo sviluppo comporta viaggi estesi per le petroliere di migliaia di miglia. KXAN (di Austin, Texas) ha riportato una ricerca dell’Università del Texas ad Austin che ha trovato che le condizioni meteorologiche sembrano essere uno dei fattori più significativi nel prevedere l’immigrazione di centroamericani verso il confine meridionale degli Stati Uniti.

References​

  • Adler, R., G. Gu, M. Sapiano, J. Wang, G. Huffman 2017. Global Precipitation: Means, Variations and Trends During the Satellite Era (1979-2014). Surveys in Geophysics 38: 679-699, doi:10.1007/s10712-017-9416-4
  • Adler, R., M. Sapiano, G. Huffman, J. Wang, G. Gu, D. Bolvin, L. Chiu, U. Schneider, A. Becker, E. Nelkin, P. Xie, R. Ferraro, D. Shin, 2018. The Global Precipitation Climatology Project (GPCP) Monthly Analysis (New Version 2.3) and a Review of 2017 Global Precipitation. Atmosphere. 9(4), 138; doi:10.3390/atmos9040138
  • Gu, G., and R. Adler, 2022. Observed Variability and Trends in Global Precipitation During 1979-2020. Climate Dynamics, doi:10.1007/s00382-022-06567-9
  • Huang, B., Peter W. Thorne, et. al, 2017: Extended Reconstructed Sea Surface Temperature version 5 (ERSSTv5), Upgrades, validations, and intercomparisons. J. Climate, doi: 10.1175/JCLI-D-16-0836.1
  • Huang, B., V.F. Banzon, E. Freeman, J. Lawrimore, W. Liu, T.C. Peterson, T.M. Smith, P.W. Thorne, S.D. Woodruff, and H-M. Zhang, 2016: Extended Reconstructed Sea Surface Temperature Version 4 (ERSST.v4). Part I: Upgrades and Intercomparisons. J. Climate, 28, 911-930, doi:10.1175/JCLI-D-14-00006.1.
  • Menne, M. J., C. N. Williams, B.E. Gleason, J. J Rennie, and J. H. Lawrimore, 2018: The Global Historical Climatology Network Monthly Temperature Dataset, Version 4. J. Climate, in press. https://doi.org/10.1175/JCLI-D-18-0094.1.
  • Peterson, T.C. and R.S. Vose, 1997: An Overview of the Global Historical Climatology Network Database. Bull. Amer. Meteorol. Soc., 78, 2837-2849.
  • Vose, R., B. Huang, X. Yin, D. Arndt, D. R. Easterling, J. H. Lawrimore, M. J. Menne, A. Sanchez-Lugo, and H. M. Zhang, 2021. Implementing Full Spatial Coverage in NOAA’s Global Temperature Analysis. Geophysical Research Letters 48(10), e2020GL090873; doi:10.1029/2020gl090873.

Citing This Report​

NOAA National Centers for Environmental Information, Monthly Global Climate Report for October 2023, published online November 2023, retrieved on November 22, 2023 from https://www.ncei.noaa.gov/access/monitoring/monthly-report/global/202310.


Metadata​

https://www.ncei.noaa.gov/access/metadata/landing-page/bin/iso?id=gov.noaa.ncdc:C00672
 

Donazione

Total amount
€585.00
Goal
€410.00
Donation ends:
Top